Archivi categoria: Blog

China sulla mia carta

“Siccome tu sei stella languida e distante, misurerò l’abbraccio che tutti ci contiene; e contiene l’universo. E tutte le distanze, tutte le distanze, piccole saranno”

Distanze

Distanze

E’ la misura che crea il problema. Nel senso. La semplice consapevolezza di averne bisogno, non è un male, anzi. Aiuta, certe volte. La quantificazione di questa, è un male.
Non tutti i mali vengono per nuocere, sia chiaro. Ma chiaramente, in maniera malevola, incide. Solcando i dischi che ascolto. Rendendo impossibile anche solo il sospiro di sentirselo dire.
“Tu hai bisogno di qualcosa”
Di non sentirmelo quantificare. Dire, si. Rendersi conto del quanto, e del quando, è come, all’improvviso, svegliarsi dal sogno. Insofferenza mattutina, la definirei.

Non svegliatemi. Lasciate che io possa contintuare a viverla così.

Liberamente indefinita. Adoro il novecento per quello.

Il mio primo amore consapevole, è figlio della deformità. Della sua natura poco precisa, ambigua e abbozzata. Quanto mi piaceva, essere abbozzato.

Via la China dalla mia carta. Carboncino.

Fuochi d’artificio

https://i0.wp.com/www.parrocchiaargile.it/UserFiles/Image/Fuochi%20argile.jpg

E che recupero concetti, e nel rileggerli rimango colpito.

“I sogni non li turbi, li alimenti”

Fuochi d’artificio, abbracci per conciliarti, e farti passare i dolori, sciogliendoteli con l’affetto.

Hai ragione il tempo è relativo, passa, in fretta o troppo lentamente.

Ma nel tempo, a volte, rimangono concetti ed espressioni, che portiamo con noi, sempre.

E rileggere è abbandonarsi

Amanuense

Nessuno quì ha voglia di una penna BIC?

Contrassegnato da tag , ,

A conferma che è bello scrivere

La lettura rende un uomo completo, la conversazione lo rende agile di spirito e la scrittura lo rende esatto.
Francesco Bacone

Alcuni scrivono soltanto perché non hanno carattere sufficiente per non scrivere.
Hans Hermann Kersten

Chi ha da dire qualcosa di nuovo e di importante ci tiene a farsi capire. Farà perciò tutto il possibile per scrivere in modo semplice e comprensibile. Niente è più facile dello scrivere difficile.
Karl Popper

Ciò che mi trattiene dallo scrivere un capolavoro è il timore che me ne chiedano subito un altro.
Roberto Gervaso

Il vero problema dello scrivere non è tanto di sapere ciò che dobbiamo mettere nella pagina, ma ciò che da questa dobbiamo togliere.
Gustav Flauber

Scrivere non è vivere. È forse sopravvivere.
Blaise Cendrars

Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.
Jules Renard

Vi sono tre regole fondamentali per scrivere un romanzo. Per sfortuna nessuno le conosce.
William Maugham

200 post, cose da dire

Questo è il mio duecentesimo post sul blog. Su questo Blog, almeno.

Questo è stato, e spero continui ad essere, il blog che mi è piaciuto di più, e quello che continuerò a seguire. Perchè mi piace pensarmi scrittore.

Non è quello dove mi sono sfogato meglio, non lo faccio più.
Ma è quello dove ho ricevuto più risposte, più attenzioni, la consapevolezza di essere qualcuno.

Cin Cin

Spesso è questione di tastiere

Se viene la voglia di scrivere o meno.

Capisci che la sensazione dello scrivere è antica come il mondo, come i primi segni sui muri, così “terreni”.
Come a dire che scrivere è lasciare un segno, materiale, nel tempo. E allora contro le pareti con i sassi e i colori improvvisati, le macchie di sangue e i calli, di una presa non comoda, ma fortemente voluta.

E a millenni di distanza, una tastiera diversa da un’altra può dare sensazioni diverse.Ieri sera avevo il blocco nello scrivere, senza idee, senza voglia, poi ho scoperto che è questione di tastiera, di fisica, di attrito.

Si ci sono le motivazioni, le tematiche, gli stimoli culturali, ma quello che realmente ti lascia scrivere, quello che realmente fa in modo che tu possa lasciare un segno nel tempo è la tastiera, come l’antica penna, mezzo e ispirazione. Fine ultimo dello scrivere. Come se il testo fosse piegato su se stesso, riflesso contro il mezzo dello scrivere. Come se un calciatore giocasse con lo scopo di giocare, come se un bambino piangesse con lo scopo di piangere, come se una besti (che termine, bestia, eh?) magniasse con l’unico scopo di mangiare, non di sopravvivere.

Scrivo per scrivere. Per me.

No, però.

Non può essere così semplice, o complicato, le due cose non sono così diverse.
Non posso scrivere solo per me.

Scrivo anche per te? Che dici? Ti piace leggere, ti piace scrivere, ti piace rispondere.

Certo, pensandoci, ti piace anche cercare le biografie dei personaggi di Walt Disney…

Contrassegnato da tag , , ,

Senza titolo

“be’, quando non sai cosa scrivere, dove oppure come, non farlo.. è questo il bello”

su gentile concessione.

Perchè mi visiti /2

gay a nizza: Il fatto che io vada molto spesso a Nizza dovrebbe preoccuparmi…

buco ozono mucche: si è vero che i peti delle mucche sono la prima causa del buco nell’ozono, non è certo colpa di effetti serra, deodoranti, etc. Mucca pazza e cagasotto

chiusura mentale o stupidità???: Stupidità grazie

pene a martello: Ho un amico che ce l’ha a punta, diciamo a spada, ma a martello non l’ho mai visto…potrei avere una foto please?

mietta sex: Sono stato io, lo ammetto

storia mucca nave scarpa: eh?

allungamento del pene: ancora?

bidelli per pesaro: se non si fanno le canne, non chiudono le ragazzine in bagno, non si finiscono almeno una volta su youtube, e di conseguenza su studio aperto, non li vogliamo

Now you understand

Recentemente sono stato a Liverpoo, e m’è tornata voglia di quella periferia inglese, cattiva, volgare ed eccessiva.

Una delle canzoni che ho amato di più, e ascoltato di più, e suonato di più, dice:

"now you understand that this is not the promised land they spoke of"

Oggi voglio fare il blogger

Si, oggi voglio fare il blogger medio, che scrive le poesie, e mette le fotine, che scrive i testi delle canzoni, e le canta, che dice come si sente e come starà.

Well, a rat always knows when he’s in with weasels
Here you lose a little every day
Well, I remember when a million was a million
They all have ways to make you pay

And she left in the fall, that’s her picture on the wall
She always had that little drop of poison