Archivio mensile:aprile 2007

Demian

Marseille

 

 

“Non c’è niente da vedere. La sua bellezza non si fotografa. Si condivide. Qui, bisogna schierarsi. Appassionarsi. Essere per, essere contro. Essere, violentemente. Solo allora, ciò che c’è da vedere si lascia vedere. E allora è troppo tardi, si è già in pieno dramma. Un dramma antico dove l’eroe è la morte. A Marsiglia, anche per perdere bisogna sapersi battere”

 

Rignano Flaminio

da Repubblica:

Gli abusi vengono descritti con precisione. Ciascuno ha un nome. “Il gioco della patatina”; “del dito a punta”; “della penna azzurra”; “del tavolo”; “dello scatolone”; “della mamma e dei figli”; “del dottore”; “del lupo e dello scoiattolo”.

Il gioco della patatina?

Condanna Cogne, le attenuanti?

Torino, 27 apr. (Adnkronos) – La corte d’assise d’appello di Torino ha condannato Anna Maria Franzoni a 16 anni con le attenuanti.

Che vuol dire con le attenuanti? L’ha ucciso il piccolo Samuele o no?

Beh se l’ha ucciso cosa cercate le attenuanti? Non capisco. Perchè 16 anni, e non 40-50, l’istituto psichiatrico, l’assoluzione? Non capisco le mezze misure nella giustizia di questo tipo.

Sentenza Cogne

La aspettiamo come il matrimonio di Brooke e Ridge..

Datemi una pistola, sono americano.

document.write(““);

Los Angeles, 27 apr. (Adnkronos/Dpa) – Una donna ha tentato di investire per quattro volte Jesse James, marito dell’attrice di Hollywood Sandra Bullock.

 

Il governatore della Virginia, leggendo questa notizia, direbbe:

“Se avesse avuto la possibilità di avere una pistola, tutto ciò non sarebbe successo”

 

L’avrebbe preso massimo al 3° colpo…

C’è Moratti e Moratti…

document.write(““);

Milano, 25 apr. (Adnkronos) – ”Ho sentito un clima di grande unita’ e sono felice. I fischi? Un piccolo gruppetto, rispetto all’anno scorso non c’e’ paragone”. Cosi’ il sindaco di Milano, Letizia Moratti ha commentato la sua partecipazione alla manifestazione per il 25 aprile ed il suo discorso, sottolineato dai fischi e dalle urla da parte dei manifestanti.

 

In famiglia non si riesce mai ad essere tranquilli…

Oh Scienziati, studiate per noi

(ANSA) – LONDRA, 20 APR – Mangiare troppo sale aumenta le probabilita’ di morire di infarto, secondo uno studio durato 15 anni.

Cioè 15 anni per dire una cosa se sapeva tutto l’universo?

Suicidio Collettivo

(ANSA) – TOKYO, 21 APR – Due uomini e una donna sono stati ritrovati morti a Michima e secondo la polizia e’ il 2/o caso di suicidio collettivo in una settimana. I cadaveri sono stati ritrovati ieri pomeriggio in un’auto parcheggiata. Nel veicolo, insieme ad un biglietto con la scritta ”voglio morire”, c’erano delle stufette a carbone frequentemente usate in questo tipo di suicidio per asfissia.

Sondaggio, perchè questi tre si sono suicidati?

1-Hanno saputo del Partito Democratico.

2-Erano interisti, come me, tra l’altro, e non sapevano cosa fare dei cotillons.

3-Hanno visto l’ultima puntata dei Raccomandati, che ha fatto quasi il 24% di share.

La Gassosa per le lesbiche?

Jessica (ex Gazosa) shock: “Adesso canto l’amore lesbo”

Abbandonati i toni adolescenziali di quando si esibiva con i Gazosa, Jessica Morlacchi torna con un nuovo look e un brano forte, Pensieri Timidi. “Canto l’amore tra due amiche…che c’è di male?

Io ci avrei scommesso che eri un uomo, con quel nasone… era chiaro che ti piacessero le donne.

Muori Operaio, che vai in TV

Io me la prendo sempre con la televisione, e mi sembra normale, visto che rappresenta il primo mezzo d’informazione di questo paese, con buona pace dei quotidiani.

Cosa non sopporto di questa informazione televisiva? Il dover per forza avere dei cicli, legati non alla sequenza cronologica delle notizie, ma alla percentuale di share che esse sviluppano.

E ora è il turno vostro, operai abusivi. Siete morti più voi in questa settimana che militari a Kabul negli ultimi tre mesi. Per il resto dell’anno non vi caga nessuno. Potrete morire in pace, senza finire sulle copertine dell’Espresso e nei titoli dei tiggì.  E sono risucchiato anche io da questo meccanismo, con l’unica differenza che ho scritto per la condizione di lavoro e per l’essere dominati da Caporali, non ho raccontato la vostra morte.

Scrivo di voi proprio come fanno tutti in questo periodo. Ma io, almeno, ho il coraggio di ammetterlo che siete solo uno strumento per raggiungere uno share, qualche click.  Ne farò pochi di click con questo post, perchè non scrivo nomi, non scrivo morti, non scrivo di norme di sicurezza e di impalcature, non scrivo di elmetti di operai.

Sei arrivato qui per sbaglio, ne sono certo. Sappi che non abbandonerai mai più.